Borgo San Lorenzo ( FI )

Mancano poche ore alla partenza della mia prima Maratona.

Mi sono preparato per ben cinque mesi, quattro allenamenti settimanali. In un anno e mezzo ho perso 30 kg.

Spero che questo racconto possa ispirarti e migliorare in qualche modo la tua vita.

La mia prima Maratona, un viaggio emozionale inimmaginabile fino a quel giorno. Un anno e mezzo prima, più o meno nello stesso mese di settembre, uscivo dal pronto soccorso dell’ospedale di Torregalli.

Ero stato ricoverato d’urgenza dopo un brutto attacco di gastrite, il medico che mi prestò i primi soccorsi, costatando il mio essere in sovrappeso, associato ad un passato da incallito fumatore, tre pacchetti al giorno di Malboro erano la norma; valutando i sintomi con il resto dei dati in suo possesso, il medico temette per un possibile infartino🤨 in corso d’opera.

Giunto in ospedale fui sottoposto per l’intera notte a una serie infinita di esami, tra un accertamento e l’altro ebbi modo di fare alcune importanti riflessioni, era giunto il momento di iniziare un nuovo stile di vita.


“Niente di grave, è solamente una brutta gastrite”.

Disse il medico…


Disse il medico entrando nella camera del pronto soccorso, dove avevo trascorso tutta la notte.
Sentendo quelle parole tirai un sospiro di sollievo.
Intanto quel dolore lancinante: come se una la lama di spada mi avesse trafitto il petto per poi fuoriuscire dalla schiena, in mezzo alle scapole, un dolore tremendo! (La mi moglie dice che sono un fico lesso).

Quel dolore che mi aveva tormentato fin dal tardo pomeriggio, si era assopito, la flebo che per tutta la notte era rimasta attaccata al mio braccio destro, aveva svolto il suo lavoro in maniera profittevole.

Ecco! La stessa mattina, appena uscito dal pronto soccorso andai a procurarmi un paio di scarpe da running, la seconda cosa che feci fu quella di accendere il PC, e digitai queste due parole: “cominciare a correre” Arrivai così sul Blog di Roberto Albanesi, dove scaricai una scheda di allenamento per affrontare i miei primi 10 km di corsa.

Si trattava di un approccio alla corsa molto soft, del resto con i miei 110 kg di stazza, dove volevo andare! Alternando lunghe camminate a brevi tratti di corsa lenta, e curando in maniera attenta l’alimentazione a fine dicembre fui in grado di correre i miei primi 10km.
E come dice un antico proverbio, di non so dove ” L’appetito vien mangiando”…

Per oggi direi che ho già scritto abbastanza, se vuoi conoscere il seguito di questa storia…

Coninua...